“Il nuovo Hi-MO 5 con design a doppio vetro è interessante per tutti coloro che apprezzano un’affidabilità di prim’ordine e una maggiore garanzia.”

2023.5.5

Il mese di aprile 2023 segna l’inizio della produzione del nuovo Hi-MO5 54c bifacciale doppio vetro. Abbiamo parlato con Sebastian Pannier, Product Manager in Germania, per saperne di più sui suoi vantaggi ineguagliabili.

Nadine: La gamma Hi-MO 5 è stata recentemente aggiornata. Prima di parlare del nuovo modulo 54c, può farci una sintesi della gamma Hi-MO 5? Su cosa è basata tecnicamente?

Sebastian: Nella gamma Hi-MO 5 abbiamo adottato la tecnologia PERC bifacciale. Per loro natura, i moduli PERC aumentano l’efficienza dei moduli fotovoltaici riflettendo nella cella una parte della luce che raggiunge il retro della cella senza aver generato elettricità. Questo avviene grazie a uno speciale strato applicato sul retro del modulo, detto anche passivazione dello strato posteriore.

Inoltre, la gamma Hi-MO 5 è basata sul nuovo standard di mercato wafer monocristallino M10 da 182 mm. Secondo fonti del settore, la quota di mercato per i moduli 182 ha registrato un rapido aumento nel corso del 2022, passando dal 27% del 2021 a un massimo del 70%. Il modulo può raggiungere una potenza di 540 W e un’efficienza di oltre il 21%. Per i clienti, la tecnologia di saldatura intelligente e senza crepe è diventata una caratteristica cruciale.

Non va dimenticato che i moduli si sono aggiudicati il prestigioso premio Intersolar nel 2021 e hanno ottenuto il riconoscimento “Top Performer” dal RETC (Renewable Energy Test Center) e da altri laboratori indipendenti.

E io sono personalmente orgoglioso dei rigorosi metodi di test che applichiamo sui nostri moduli. Ad esempio, nel test della grandine il modulo ha dimostrato risultati eccellenti. Un rapporto di TÜV SÜD ha inoltre verificato che la gamma Hi-MO 5 ha superato con successo un test di impatto con la grandine di 35 mm.

Credo che tutto questo dimostri la fiducia che il mercato ripone nella gamma Hi-MO 5 e nella sua affidabilità. Questo è anche supportato dalle imponenti spedizioni globali che hanno superato 50GW mentre le spedizioni cumulative si stanno avvicinando ai 100 milioni di pannelli. 

Nadine: Davvero! E ora LONGi aggiunge addirittura qualcosa in più. La gamma Hi-MO 5 è già disponibile come bifacciale. Quindi, quali sono le novità di Hi-MO 5 a 54 celle? Quali sono le caratteristiche tecniche principali?

Sebastian: Sì, è stata realizzata una versione bifacciale della gamma Hi-MO 5. Ma è comunque una caratteristica importante, sia in ambito residenziale che industriale, perché è un modo semplice per aumentare l’efficienza dei moduli.

La vera novità, che cambia le carte in tavola per i clienti che vogliono moduli molto affidabili, durevoli e resistenti, è la tecnologia a doppio vetro. Poiché il peggioramento delle prestazioni è decisamente più lento rispetto ai pannelli monofacciali, la loro durata di vita è molto più elevata. Questo perché le celle solari sono completamente racchiuse nel vetro e non hanno una parte posteriore opaca o bianca fatta di metallo-plastica o pellicola. Di conseguenza, le celle si trovano sull’asse neutro del collegamento e quindi non subiscono sollecitazioni meccaniche quando il modulo viene piegato, ad esempio sotto il carico della neve, della grandine, ecc. Il modulo a doppio vetro è meno sensibile all’umidità o alla penetrazione di sostanze chimiche rispetto ai moduli tradizionali.

Nadine: Perché il semplice materiale “vetro” ha un impatto così forte sulle prestazioni dei moduli?

Sebastian: Per sua natura, il vetro è incredibilmente stabile nelle sue prestazioni e praticamente non invecchia. È completamente impermeabile e quindi resistente all’umidità: è la scelta migliore per le regioni caratterizzate da alta umidità. L’umidità e l’ossigeno non possono penetrare nei moduli; pertanto, il processo di invecchiamento dei moduli sostanzialmente non si verifica.

Nadine: Ciò significa che non ci sono perdite di prestazioni di PID e DH?

Sebastian: Sì, la Degradazione indotta da potenziale (PID) e il Caldo umido (HD) sono prossimi allo zero. Il livello di isolamento è veramente ottimo e riduce al minimo la corrosione dei connettori delle celle. Le correnti parassite sono evitate perché nei moduli non è presente umidità. Ogni modulo è un’entità chiusa.

Vi sono anche vantaggi meccanici notevoli. Poiché il vetro anteriore e quello posteriore presentano la stessa espansione termica, le sollecitazioni e le deformazioni in ambienti caldi o freddi sono minori. Il doppio vetro garantisce inoltre una migliore protezione della cella dai danni meccanici, anche durante l’installazione.

Infine, occorre considerare gli importanti aspetti legati alla sicurezza. Essendo il vetro meno infiammabile della pellicola, una percentuale maggiore della superficie del tetto può essere utilizzata con moduli vetro-vetro, in base alle attuali norme di protezione antincendio.

Nadine: E il guadagno in potenza dei moduli?

Sebastian: Il guadagno in potenza è maggiore rispetto ai moduli monofacciali. Secondo il Fraunhofer Institute, i moduli solari a doppio vetro possono produrre rendimenti aggiuntivi dal 5 al 30% a seconda della situazione e dell’installazione in loco.

In che misura avviene dipende, ad esempio, dal valore di Albedo (tra gli altri fattori), che indica la percentuale di radiazione incidente riflessa. Ad esempio, l’albedo è di circa il 10% per il sole alto su acque profonde, dal 10 al 30% per i terreni erbosi e fino al 75-95% per la neve fresca. Pertanto, l’albedo dell’ambiente ha un’influenza significativa su qualsiasi rendimento aggiuntivo.

Di conseguenza, si consiglia di utilizzare moduli bifacciali in luoghi con presenza di neve, in quanto il guadagno in rendimento sul lato posteriore non viene influenzato e il calore di funzionamento del modulo può sciogliere la neve sul lato anteriore.

Tuttavia, anche se l’installazione su tetto non rappresenta il tipo di installazione ideale a causa del declassamento del guadagno in potenza bifacciale, sussistono chiare argomentazioni a favore del doppio vetro bifacciale: il guadagno in potenza è >2% anche con installazioni a piccola distanza su tetti scuri e c’è una migliore affidabilità del modulo che influisce anche sulla garanzia. 

Nadine: La garanzia è, insieme all’affidabilità e alla resistenza, uno dei fattori più importanti per i nostri clienti. Quali sono le garanzie per la nuova gamma Hi-MO 5 54c a doppio vetro bifacciale?

Sebastian: Sì, i clienti che apprezzano un modulo durevole gradiranno l’aumento della garanzia da 12 a 15 anni per i materiali e la lavorazione e da 25 a 30 anni per la potenza lineare extra in uscita. Garantiamo che la potenza nominale del modulo rimarrà all’85% anche dopo 30 anni!

Nadine: Per quali gruppi di clienti è stato progettato il nuovo modulo?

Sebastian: Il modulo può essere utilizzato per installazioni residenziali e C&I, in aree del pianeta esigenti e meno esigenti, poiché è in grado di far fronte a una varietà di condizioni estreme. Quindi, non assegnerei un gruppo speciale di clienti al modulo. È adatto a tutti coloro che apprezzano un pannello solare davvero affidabile, duraturo e resistente e desiderano beneficiare di una garanzia aggiunta di 30 anni.

Nadine: Ho sentito dire che in LONGi Europe, in generale, siete grandi fan della gamma Hi-MO 5.

Sebastian: Sì, è vero. In passato e nei miei ruoli precedenti, sono stato fortemente coinvolto nei test e nelle prove a lungo termine dei moduli bifacciali e a doppio vetro. Hanno sempre ottenuto ottimi risultati. In termini di resistenza e longevità, con questa scelta non si può sbagliare. Per gli amanti dell’estetica, il modulo è disponibile anche in versione nera!

Grazie mille per questa intervista e per averci dedicato del tempo, Sebastian!

L’intervista è stata realizzata da Nadine Bütow, Responsabile delle Comunicazioni Europa di LONGi DG.